Ventotto melagrane dalla Ancisa

R: non presente
V: cc. 42v-43r

Ventotto melagrane dalla Ancisa,
vegendo un tordo zoppo preso a·llenza,
tanto fur liete di tal penitentia
che ne criepono spesso per le risa.

Un gatto vechio mutò la divisa
per ingannare e’ topi di Faenza;
questo anno è nata una grande influenza
di macheroni sciochi in quel di Pisa.

Le punte che son tratte agli usolieri
fanno impazare a Luc[c]a gli oriuoli
per la dovizia de’ pochi panieri.

Ma che sciagura è quella de’ paiuoli
ch’avendol il fuoco al cul diventano neri
più che non sono le zazer di spagnuoli!

Per questo e’ ramaiuoli
empion la gola spesso alle scodelle
e ’l topo inbuca al suon delle predelle.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.