Chi vuol saper più là che de le sette arte

R: c. 164v-165r
V: c. 45r

Chi vuol saper più là che de le sette arte
imparino otto; e chi ha tristo nome
facciselo scambiare: e saprà come
chi sta veder guicar sempre tien parte.

Chi non è san, guarisca, e senza carte
non si può scriver bene: né le some
son del par tutte; e delle folte chiome
rare volte il bestiame si diparte.

Chi mal vede, e vorrebbe veder peggio
tenga el buono occhio chiuso e ’l tristo aperto.
Chi non vuole star, pigli puleggio,

e chi fusse diffarto, ovver diserto,
rifaccisi di nuovo, ch’io non veggio
altro rimedio al suo malo, o più certo.

Chi vuol parlar coperto
entri nel forno, e chi vuol viver chiaro
non si intorbidi, e questo è buon riparo.

6 non… bene] si perde ’l piato spesso
8 rare] rade
10-12] vv. aggiunti in margine da Braccesi


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.