Prima ch’alcun questo volume apprenda

R: non presente
V: 1 c. 38r

Prima ch’alcun questo volume apprenda,
e per natura fusse detrattore,
càvisi e’ denti della bocca fore
acioché col suo morso non mi offenda.

S’alcun sarà che rettamente intenda
e vogli giudicar senza rancore,
vedrà che non per acquistare honore
ho fatto di sonetti una tregienda

ma sol per dare a qualche scioperato
qualche tabaco, a veghia s’alcun fia
che ’l mio bazo latin non habbi a sdegno.

E com’io non aspetto esser lodato,
così mi sarie fatto villania
da chi di biasmo mi facessi degno.

Ma scusimi el disegno
che fatto ha la bertuccia del Burchiello,
e spesso abburattòmi el cervello.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.