Bene havesti una strana fantasia

R: non presente
V: 2 cc. 38r-38v

“Bene havesti una strana fantasia!
mettere el tempo in cosa che ’l perdessi.”
Sendo fra ’l sonno, parve un che ’l dicessi
a cui fu presta la risposta mia:

“S’io non ti sono piaciuto, io non mi sia
chi ti pregava che tu mi leggessi.
Ben gran matto sarei s’io non credessi
trovar più morsi che baci fra via.

Ben mi pensai ch’io sarei un berzaglio
di scapezoni, e camera di busse,
et che spesso sarei sotto a sonaglio!”

Usar non ho saputo altro chiusse
ne’ so come io m’entrai in tal travaglio
ne’ chi in questo giardino mi condusse.

Ma dimmi se non fusse
che la pazia per Carnasciale sfoga:
vedremo assai più matti andare a duoga.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.