Vuoi tu veder s’io son strano uccello

R: non presente
V: 3 c. 38v-39r

Vuoi tu veder s’io son strano uccello?
Lo mio re, devo fare un musettino.
Ei m’è venuto fatto un bertuccino,
tanto ho saputo usar male il pennello.

E mentre fabricar voglio un Burchiello,
tra man m’è riuscito un bazo [la]tino
e sono entrato a maca nel giardino
e spesso m’avviluppo col cervello.

Va’, trami tu da questa fantasia
che mi fa tutto ghiribizare
a mio dispetto, dovunque io mi sta.

Negli orechi me sento ognor sonare
“Piglia la penna, un sonetto, e tra’ via
su, scrivi presto, che sta tu a fare?”

E’ mi bisogna stare
fermo alla posta, et per forza ubidire
tanto ch’el mosto resti di bollire.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.