Essendo Marte al soldo del re Nino

R: non presente
V: c39v

Essendo Marte al soldo del re Nino
dell’anno che fu el primo dopo ’l sezo
gli mancò alla rassegna un verde mezo
huomo di ferro, che era pe’l cammino.

Sentendo questo, papa Celestino
disse al notaio: “Tu se’ male avvezo!
Tu cerchi di trovarti manco un pezo
di cervelliera pe ’l poco latino.”

Non sia chi creda ch’el vento diurno
asciughi e’ piedi all’oca pe ’l bagnare
per la influentia del vecchio Saturno.

Ma quei che son sì vaghi del cantare
non dichin mattutino senza notturno
se non hanno la zuca da notare.

E chi crede serbare
l’olio nell’orcio, per poca dovizia,
poco gli giova farne masseri[zi]a.

9 non… chi] non sia persona chi V


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.