Cerere stanca con la falce in mano

R: cc. 164r-164v
V: cc. 39v-40r

Cerere stanca con la falce in mano
cercando di Proserpina smarrita,
stanca già di trovarla, e sbigottita
si fermò in Lucca a misurare il grano.

Et Bacco fu nel nascer tanto strano
che sei mele mandò nell’altra vita.
Giove, per non morir d’una pipita
la pelle scompisciò d’un bue romano,

et tre sorelle figliuole d’un prete
si fer tre vace per gran pizicare
ch’addosso mise lor la dea Junone.

Mercurio si bagnò nel fiume Lete
per non si ricordar che ’l fiero amore
fece che Marte restasse prigione.

E fo conclusione
che chiunque mena ben tonda la mazza
è nato di stallon di buona razza.

4 Luccha] Todi
6 sei mele] Semele
10 per gran pizicare] pel gran pizichore
11 la dea] mona
14 restasse] rimase
15 et] io


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.