La Luna è sì ritrosa al Carnasciale

R: non presente
V: c. 44r

La Luna è sì ritrosa al Carnasciale
ch’ogni anno il fa mutare nuova pigione,
e l’uno e l’altro a punto di ragione
usano il berlingaccio per sensale.

Un che ’n theologia è manovale
vol sostenere che ’l ventre del castrone,
cocendol pieno, è più ghiotto boccone,
e rifritte miglior sien le cicale.

E io lo credo, perché Galieno
vieta che non se desini a digiuno;
quand’è, piove con nugoli al sereno.

Ma perch’ei corbi son vestiti a bruno,
B[i]anco, la state, tiene la ferza in seno
per non dare spavento all’uni, niuno.

E se ci fussi alcuno
che fussi difettoso di volatiche
fàccisi una sopposta sulle natiche.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.