Ossa di fichi e nebbia col midollo

R: non presente
V: cc. 44r-44v

Ossa di fichi e nebbia col midollo,
neve di luglio e sol di mezanotte,
una campana fioca e subbie rotte,
e di Monterinaldi un mezzo crollo,

dieci stadere col romano a’ collo
e di rugiada tredici ricotte,
quattro staiora e sette d’una botte,
e la ribeca del crinito Apollo:

tutti furno invitati a collezione
da Pirramo, ch’allor menava moglie.
Proserpina, matrigna di Plutone,

essendo a mensa, le preson le doglie
donde nacque sì gran confusione
ch’ei pesci tutti s’armoron di scoglie.

Però le troppe voglie
vòtan la borsa l’anno a molti ghiotti
e le gran troie sburron gl’iovannotti.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.