Destati hormai dall’otio e dalle piume

R: 168v
V: 43v

Destati hormai dall’otio e dalle piume,
non vedi tu ch’el mondo se ne scorna?
A meço di già el sol caldo ritorna
perch’è mancato ogni gentil costume.

L’antica vechia fa degli ochi un fiume
poi che s’avìde che seco soggiorna
quella ch’en testa già pose le corna
al principe del vago obscuro lume.

Ogni animal che la sua vista perde
tardi ritorna allo smarrito ovile
per lo obietto che manca al primo loco,

né può tornar come prima era verde
tanto è già spento ogni senso virile
da l’aria al centro e dalla terra al foco.

Egli è pure stran gioco
che piovendo acqua chiara il fiume intorbida
e ghiotti voglion sempre e’ bocon morbidi.

1 hormai] omai V
3 di già] di el so già R
4 perch’è] e è V
6 seco] con lei V
11 obietto] ogietto V
17 ghiotti… bocon] sucidi capei sien tanto V


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.