Lo sdegno che hebbe Achile con Orfeo

R: non presente
V: c. 41r

Lo sdegno che hebbe Achile con Orfeo
quando la manza gli furò cantando,
fu cagion che Rinaldo havessi bando
perch’ei furò le brache a Melibeo.

Veggendo questo caso, un gabbadeo
si mise le sue in capo, e poi sonando
le nachere col piffero d’Orlando
ne ricoperse el fiero batisteo.

Avicenna, studiando in sur un testo
che tratta della forza dello aceto,
trovò ch’el vino è miglior che lo agresto.

Dixe maestro Mechero d’Orvieto
forte gridando: “Che diavolo è questo?
Ch’io non posso trovar questo segreto:

che vuol dir che un peto
sia di tanta perversa conditione
che di casa esca a forza del padrone?”

 


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.