La sera che Ser Bobi menò moglie

R: non presente
V: cc. 41r-41v

La sera che Ser Bobi menò moglie,
un buon palmo gli crebbe la fagiana:
el bechetto fa cose fra la lana
come fa chi per tema si racoglie.

Disse la sposa allor con molte doglie:
“O questa cornamusa è molto strana
quest’è la masserizia che la Giana
disse ch’io troverrei tra molte”- “Muoglie!”-

Ser Bobi le rispose, “De[h], sta’ cheta,
che fares’tu per la gran charestia
se per dovitia stai sì poco lieta?

D’avantagio ti truovi, gioia mia.
Questo buon capitale, oltre alle peta,
ch’io ti darò per frutte tuttavia!”

Disse la donna ria:
“Almanco fussi il becchetto del pari
alla foggia, ch’arei mille ripari!”


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.